manifestazione antifascista, Rovato (BS)

Ricevo e diffondo con molto piacere. Non so se il 19 sarò ancora in Italia, ma se ci sarò parteciperò anche io. Certe forme di violenza non possono e non devono essere tollerate.

[Rovato] a chi minaccia.. pan per focaccia! MANIFESTAZIONE ANTIFASCISTA
19/04/2008 MANIFESTAZIONE ANTIFASCISTA A ROVATO
Già nell'autunno 2007, con le prime sceneggiate dei filo-nazisti di Forza Nuova a Rovato, 
il Tavolo Antifascista Franciacortino organizzò una mobilitazione di due giorni in cui 
si denunciava il clima di forte intimidazione legato al riemergere dell'estrema destra anche 
nella nostra provincia.
A distanza di sei mesi la situazione si è di molto aggravata. Basti dire che alcuni militanti
antifascisti rovatesi hanno subito delle pesanti minacce, che sono arrivate all'esplosione 
di 4 colpi di pistola contro la vetrina del negozio di persone attivamente impegnate nel
promuovere iniziative insieme al Tavolo della pace della Franciacorta. Episodi come questo 
non sono casi isolati e ci ricordano che sottovalutare la tradizione storica del ricorso 
alla violenza da parte del nazifascismo sarebbe un grave errore.
Noi pensiamo che sarebbe semplicistico ed errato attribuire la responsabilità del clima che 
si cerca di instaurare a qualche ragazzo esaltato, od anche alle manovre di qualche singolo 
personaggio più o meno pittoresco. Il pericolo che noi vediamo, ed il suo rimedio, secondo noi, 
non consiste nell'individuare un nemico semplice, una persona od alcune persone, alle quali 
attribuire la colpa di questi episodi. Noi leggiamo in questa situazione uno scenario complesso, 
un clima che può coinvolgere ogni ambito sociale, e che giunge a volte a coinvolgere alcune 
amministrazioni locali ed altre istituzioni, costituito da isterie razziste, continue emergenze 
securitarie, diffidenze, pregiudizi, strategie repressive e discriminatorie, che colpiscono 
ormai non solo i migranti e gli emarginati ma tutti coloro che vengono reputati diversi 
o che si permettono di esprimere forme di dissenso.
Nostro obbiettivo è bloccare quest'isteria, inceppare l'ingranaggio che vede in tutto ciò 
che è diverso e complesso un possibile problema. In questo ci richiamiamo ai valori 
costituzionali antifascisti, messi in discussione dal revisionismo storico, che sempre 
più apertamente, e con la connivenza a volte di parti politiche e sociali ben più ampie 
delle formazioni e dei gruppuscoli che si richiamano apertamente al nazifascismo, pretende 
di mettere sullo stesso piano chi ha combattuto contro il fascismo, dando vita 
alla Resistenza, e chi era schierato dall'altra parte. 
Lo spazio che le formazioni neofasciste vogliono occupare è rimasto in parte sguarnito 
anche per responsabilità di questo revisionismo storico, della falsificazione della storia.
Noi invece continuiamo a rivendicare il ruolo fondamentale della lotta partigiana per la 
nascita della nostra repubblica, e con questo spirito invitiamo a vigilare sulla Costituzione 
e sulle libertà democratiche. Per questo invitiamo la cittadinanza a scendere in piazza:
SABATO 19 APRILE
ORE 15 PIAZZALE DELLA STAZIONE FS - ROVATO
CONTRO IL RIEMERGERE DELL'ESTREMISMO DI DESTRA
PER RESPINGERE LE MINACCE E LE INTIMIDAZIONI
PER LA DIFESA DELLA COSTITUZIONE ANTIFASCISTA
CONTRO IL RAZZISMO DI CHI ODIA OGNI FORMA DI DIVERSITÀ

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s